Il punto sulla gestione del cimitero

caro estinto

A marzo, insieme al bilancio preventivo, ci è stato chiesto di votare l’adozione del regolamento di Polizia cimiteriale, presentandocelo come un lavoro di adeguamento normativo, portato avanti per anni dagli uffici competenti. Come Movimento 5 stelle ci siamo astenuti dal voto ritenendo il tempo a disposizione inadeguato per affrontare un tema così complesso e specifico. Ricordiamo che il regolamento non definisce le tariffe (di competenza della giunta), ma entra in ogni altro aspetto relativo alla gestione dei cimiteri e delle sepolture. Abbiamo però di recente potuto approfondire il tema grazie ad un colloquio con una associazione del comparto funerario e, con nostro grande stupore, abbiamo potuto così apprendere che le criticità del nuovo regolamento comunale di polizia mortuaria sono molte di più di quelle ad oggi emerse, riguardanti i rinnovi 99ennali per le tombe (rinnovi che portano con sé anche un aumento delle tariffe deliberato della giunta).

Siamo infatti rimasti sorpresi dall’apprendere che negli anni di studio del nuovo regolamento federazioni (che nascono come tutela sia dei cittadini che delle amministrazioni) hanno chiesto molteplici volte di poter avere un dialogo con il comune, per poter apportare anche la loro competenza, ma tale dialogo gli è sempre stato negato, con il risultato di avere oggi un regolamento approssimativo, non rispettoso della normativa vigente e che sarà probabilmente da rivedere in vari punti per non incorrere in cause giudiziarie. Diciamo questo con documenti alla mano e ne vogliamo informare i cittadini, perché possano avviare delle azioni di richiesta di chiarimenti al comune.

Il regolamento oggi approvato consta di 149 articoli in molti dei quali bisognerebbe entrare nel merito, ma in questo articolo ci limitiamo a segnalare quelli che più avranno maggiore influenza sulle le tasche (e la serenità) il cittadini bustocchi che vogliono ricordare i loro cari al camposanto.

Il primo elemento negativo è sicuramente quello di obbligare a una concessione e/o rinnovo 99ennale per tombe e cappelle (al posto dei precedenti 30 anni), ciò implica pagare oggi un costo molto alto e inoltre, se nei prossimi trent’anni il comune introiterà tutti gli oneri dei rinnovi (oggi trentennali) come farà per i successivi 69 a mantenere i cimiteri? Ecco come: all’art. 117 comma 11 il regolamento introduce la possibilità per il comune di applicare un canone manutentivo a loculi, ossarini, tombini, cinerari e cippi alla memoria nonché alle tombe di famiglia secondo la griglia tariffaria comunale (oggi non ancora prevista). Inutile dire che per i cittadini oltre al danno c’è la beffa: oggi pago una cifra già alta e magari tra 10-20 anni dovrò esborsare anche un canone annuo.

Altro punto da porre all’attenzione: quando per una salma non vi sono posti disponibili di solito viene utilizzato uno spazio provvisorio, in attesa che il comune costruisca nuovi spazi o non se ne liberi qualcuno. In questi spazi provvisori si paga un canone annuo di 91 euro che sarà saldato al momento del passaggio nella tomba definitiva. Ma non ci si aspetti di essere chiamati dal comune perché non esiste alcuna graduatoria comunale per i provvisori, infatti quando il comune realizza nuovi spazi questi vengono messi all’asta e, se non si partecipa all’asta, il proprio caro continuerà a rimanere in un posto provvisorio. Quando anche il cittadino riesce a partecipare a un’asta scopre che per una tomba da tre posti vengono chiesti 12,000 euro come base d’asta (!) per arrivare anche a 16-17.000 euro, costo al quale dovrà poi aggiungere il canone per gli anni passati nel provvisorio e vari oneri, arrivando a spendere cifre di qualche decina di migliaia di euro. Il sistema delle aste non è di certo quello più rispettoso delle esigenze dei cittadini, e inoltre fa lievitare troppo i prezzi delle tombe.

Il nuovo regolamento sembra anche restringere la possibilità di inserire in una stessa tomba solo i discendenti del titolare della concessione e i loro coniugi fino al terzo grado e gli ascendenti fino al secondo (Art. 109) e se questo vale anche per i sepolcri famigliari, come pare, è sicuramente molto restrittivo, a fronte di un grosso investimento iniziale richiesto. Per restare in tema di costi, il nuovo piano tariffario approvato dalla giunta prevede costi diversi dei loculi e cellette a seconda dell’altezza da terra (ad esempio per loculi con lastra il costo varia da 1145 a 3278 euro) ma poi all’art. 108 del regolamento si legge che “per ogni nuova costruzione di colombari, loculi, ossari/cinerari l’assegnazione è effettuata secondo l’ordine di decesso” allora delle due l’una: o è possibile scegliere il loculo decidendo anche di spendere di più o, se l’ordine lo decide il comune, i prezzi devono essere uguali per tutti.

Attenzione anche ai seguenti passaggi:

– il rinnovo vale per una sola volta poi la concessione ritorna al comune, e questo anche per i monumenti storici costruiti dai privati (art. 125);
– chi vuole rinunciare alla concessione deve obbligatoriamente produrre al comune un atto notorio (art.123), con esborso di ulteriori costi rispetto all’autocertificazione in vigore fino a pochi mesi fa (ci risulta che questa richiesta non sia giustificata da nessuna norma);
– in caso di morte del concessionario, gli eredi che vogliono fare il subentro hanno tempo 12 mesi, altrimenti hanno ulteriori 6 mesi pagando la relativa tariffa maggiorata del 100% (art.121), ma la tariffa non compare tra quelle deliberate dalla giunta… di che cifra stiamo parlando?
– in caso di cremazione, per il trasporto oltre i 100km il regolamento impone la cassa in zinco (art.42), ma tale obbligo, superato da una circolare del ministero della sanità del 1998, fa lievitare i costi della cremazione da poche centinaia di euro a qualche migliaio.

In generale questi e altri articoli mettono in luce anche che il regolamento non rispetta la gerarchia delle normative, dove in materia sanitaria prevalgono le leggi Regionali, non quelle statali, e, a nostro avviso, questo potrebbe portare a probabili impugnazioni per via giudiziaria del regolamento adottato dal consiglio comunale.

Porteremo queste nostre perplessità nella prossima commissione dove sarà discussa la mozione che abbiamo presentato per la rettifica delle tariffe e ci aspettiamo delle spiegazioni serie da parte dell’amministrazione, anche perché non vogliamo pensare che sia stato portato in consiglio comunale un testo non conforme alle norme.

Movimento 5 stelle Busto Arsizio

Commenta per primo su "Il punto sulla gestione del cimitero"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*